+39 089 252423 info@giardinodellaminerva.it

Ajuga reptans L. - Iva artritica

 

L'uso terapeutico di quest'erba è oggi pressoché scomparso. In passato era impiegato dalla medicina popolare contro disturbi epatobiliari, per gargarismi antinfiammatori di cavo orale e gola e per il trattamento delle ferite, ma la sua efficacia non è mai stata dimostrata. Tra le indicazioni dell'omeopatia si trovano le malattie metaboliche.

 

Citazioni

 

«L'iva è calda e secca al terzo grado. Ha foglie piccole e pelose, molto vicine le une alle altre e che si allungano al suolo come l'erba chiamata poligono degli uccelli. Cresce nei luoghi sabbiosi e sulle montagne aride e i piccoli fiori gialli sono presenti in tutte le stagioni. Possiede virtù diuretiche e aperitive grazie alla sua sostanza amara. Contro l'idropisia, all'inizio della malattia, e contro l'ostruzione del fegato e della milza causata da raffreddamento, ridurre quest'erba in polvere e somministrarne due dracme nel vino caldo al paziente ancora a digiuno. Contro la gotta artritica, contro l'epilessia, la malattia che fa cadere, contro la ritenzione d'urina, le fitte del ventre o dolori iliaci, somministrare questa polvere come si è appena detto oppure fare bere al malato del succo d'iva. Questo rimedio è ancora più efficace. Contro la febbre quartana e la malattia che fa cadere e che certuni chiamano malattia reale, preparare uno sciroppo di questa erba con del miele bianco in eguale quantità. Diluire questo sciroppo con acqua dove si sarà fatta cuocere dell'iva e dare da bere al malato. Questo sciroppo è utile contro i raffreddori e molti altri malanni».

[cit. Le livre des simples médecines, ms. 12322 Bibliothèque Nationale de Paris]



Immagine

Immagine

Ajuga reptans L. - Iva artritica

Pianta
Image: Ms London, British Library, Egerton 747, fol. 25r.

Informazioni Generali

Orari Giardino della Minerva.
Da Martedì a Domenica: 09,30 - 20,00 | Lunedì: chiuso.