+39 089 252423 info@giardinodellaminerva.it

Pulicaria dysenterica (L.) Bernh. - incensaria comune

 

Il Mentastro ha proprietà astringenti, antinfiammatorie e antidiarroiche. Principi attivi: inulina, tannini (poco studiati). Gli usi e le proprietà del Mentastro sono riassunti nel suo nome botanico latino: col termine pulicaria si fa riferimento all'uso, abbastanza comune dei tempi passati, di bruciare i fusticini e i fiori per cacciare, per mezzo del fumo, gli insetti, e in particolare le pulci e analoghi parassiti, dalle case e dagli abiti. Il nome dysenterica indica le proprietà astringenti intestinali caratterizzati da emissioni liquide. Queste proprietà sono collegate alla composizione del rizoma, che contiene mucillagini e tannini che lo rendono utile soprattutto per uso esterno come astringente generico e antiemorroidale. L'uso esterno di questa pianta è senz'altro da preferire a quello interno.

 

Citazioni

 

«Dioscoride: una è più grande e di odore più intenso, l’altra piccola e di odore gradevole, la terza è mediana - la prima (coniza lata) è detta anche vanitis o armentalis, la seconda labanotis o pix marina o siriscaris - la terza coniza cefaleos o thimus minor - la prima e la seconda hanno foglie come l’olivo ma rugose e grasse e viscose - sul frutice maggiore lo stelo più alto è di due cubiti, sul minore di un piede - il fiore è fragile di color miele e sapore amaro: quando fiorisce fa come dei capelli - la radice è inutile».

[cit. Mattheus Sylvaticus, Opus Pandectarum Medicinae, Venezia 1523, c. 593, Policaria] L’ipotesi di identificazione si basa sul confronto tra il testo delle Pandette e le xilografie di Mattioli e di Durante (con la relativa descrizione morfologica): specie grande = Incensaria odorosa; specie piccola = Enula cepittoni; specie mediana = Incensaria comune.



Immagine

Immagine

Pulicaria dysenterica (L.) Bernh. - incensaria comune

Pianta

Informazioni Generali

Orari Giardino della Minerva.
Da Martedì a Domenica: 09,30 - 20,00 | Lunedì: chiuso.