+39 089 252423 info@giardinodellaminerva.it

Curcuma longa L. - Curcuma

 

La radice essiccata conferisce aroma e colore al curry, a molti piatti della cucina indiana e, talvolta, viene venduta come zafferano. I germogli e le infiorescenze sono considerati ortaggi in Thailandia. Nella medicina cinese, la radice stimola la circolazione, cura le contusioni, gli emboli ed è un antidoto contro il veleno del cobra. Migliora la funzionalità della cistifellea, evita gli emboli, riduce la presenza di alcune tossine del fegato, facilita la metabolizzazione dei grassi e manifesta proprietà antiflogistiche e azione antisteroidale. Fornisce un colorante dorato per i tessuti e ha una funzione importante nelle cerimonie indiane.

 

Citazioni

 

«Serapione: ha foglie simili al porro ma più lunghe, sottili e dure - stelo di un braccio e più, quadrato come lo squinanzio - sotto la sommità ci sono foglie piccole e seme e radice come l’olivo - nasce in luoghi domestici e umidi, nei prati e nei luoghi paludosi - altra specie in India con sapore di zucchero, gialla - passata sulla pelle, fa cadere i peli».

[cit. Mattheus Sylvaticus, Opus Pandectarum Medicinae, Venezia 1523, c. 624, Sapurios]



Il Cipero indiano citato da Silvatico potrebbe essere identificato con la Curcuma longa L.

 

Citazioni

 

«Serapione: è una pianta che si chiama arabica, di colore rosso, ed è la stessa cosa della curcuma - la radice si estrae di inverno - ha dei grani come il kesmes, e la migliore è rossa ed ha pochi grani - un’altra è quella che aderisce alla mano ed è violetta - molto velenosa - cancella le macchie dalla pelle».

[cit. Mattheus Sylvaticus, Opus Pandectarum Medicinae, Venezia 1523, c. 700, Virem]



Immagine

Immagine

Curcuma longa L. - Curcuma

Pianta
Image: Ms London, British Library, Egerton 747, fol. 105v.

Informazioni Generali

Orari Giardino della Minerva.
Da Martedì a Domenica: 09,30 - 20,00 | Lunedì: chiuso.